Salute del cuore: quanto ne sai? – Fragments - Frammenti di Psicologia

Salute del cuore: quanto ne sai?

Coppette di frutta a forma di cuore - Salute del cuore

Salve a tutti e benvenuti in questo nuovo articolo!
Questa volta vi presentiamo un post più interattivo: si tratta infatti di un test per verificare le vostre conoscenze nell’ambito della salute del cuore. Questa rappresenta infatti spesso un ambito messo da parte o trascurato dalla maggior parte delle persone, per vari motivi:

  • Perchè si è “troppo giovani” per preoccuparsi del cuore;
  • Perchè “quando deve succedere succede”;
  • Perchè alla fine “si vive una sola volta”;
  • Perchè “mio nonno fumava ed è vissuto fino a 103 anni”;

e tanti altri.

Esistono in realtà numerosi semplici comportamenti che possono migliorare la nostra salute cardiovascolare e, sebbene spesso li conosciamo ma non li applichiamo lo stesso, il primo passo per una buona prevenzione è proprio saperne di più su questa problematica comune. 

E voi quanto pensate di saperne? Mettetevi alla prova con questo test!

L’Heart Disease Knowledge Questionnaire

ECG - Salute del cuore

Il questionario qui riportato è l’Heart Disease Knowledge Questionnaire (Bergman H, Reeve B, Moser R, Scholl S, Klein W. Development of a Comprehensive Heart Disease Knowledge Questionnaire. Am J Health Educ. 2011;42(2):74-87.)

La versione qui riportata è stata tradotta in italiano senza alcuna procedura di validazione: i risultati riportati non sono quindi da intendere assolutamente come validi o utilizzabili a livello clinico, ma da considerare piuttosto come uno sguardo generale sulle proprie conoscenze sull’argomento.

Fragments non vanta alcun diritto sul questionario in questione, sviluppato e creato dagli autori riportati nel riferimento soprastante. 


Istruzioni:

Più sotto vi verrà richiesto di rispondere ad una serie di domande Vero/Falso riguardanti le vostre credenze e conoscenze su vari aspetti attinenti le patologie cardiache (tranne l’ultima, che presenta come risposta solo “accetto”, necessaria per completare il quiz in osservanza della normativa GDPR sul trattamento dei dati personali).

Rispondete selezionando per ogni risposta “Vero” oppure “Falso”.

Pochissime persone rispondono a tutte le domande correttamente – sentitevi liberi di selezionare “Non lo so” se non siete sicuri di una risposta. 

L’ultima domanda del test ha come risposta solo accetto: si tratta di una formalità relativa al trattamento dei dati ottenuti dal test secondo la recente normativa della GDPR. Tali dati in ogni caso sono completamente anonimi (maggiori dettagli nella privacy policy a fondo pagina).

Al termine del test potrete visualizzare il risultato generale e come questo si ridistribuisce su 5 diverse aree relative alle conoscenze cardiovascolari.


1.I grassi polinsaturi sono più salutari per il cuore rispetto ai grassi saturi
2.Le donne hanno meno probabilità di sviluppare patologie cardiache dopo la menopausa
3.Aver avuto la varicella aumenta il rischio di sviluppare patologie cardiache
4.Mangiare molta carne rossa aumenta il rischio di sviluppare patologie cardiache
5.La maggior parte delle persone è in grado di riportare se ha o non ha la pressione alta
6.Gli acidi grassi trans sono più salutari della maggior parte degli altri tipi di grassi
7.La principale causa di attacco cardiaco è lo stress
8.Camminare e fare giardinaggio sono considerati come tipi di esercizi che possono abbassare il rischio di sviluppare patologie cardiache
9.La maggior parte del colesterolo dell’uovo è presente nella sua parte bianca
10.I fumatori hanno maggiori probabilità di morire di cancro ai polmoni piuttosto che di patologie cardiache
11.Prendere un’aspirina al giorno riduce il rischio di contrarre patologie cardiache
12.La fibra alimentare riduce il colesterolo nel sangue
13.Le patologie cardiache sono la principale causa di morte negli Stati Uniti
14.Il tipo di esercizio più salutare per il cuore include una respirazione rapida condotta per un periodo prolungato di tempo
15.Il pallore è uno dei sintomi dell’attacco di cuore
16.Il battito cardiaco di una persona sana dovrebbe tornare normale entro 15 minuti dalla fine dell’esercizio fisico
17.Difficoltà improvvise nel vedere da un occhio rappresentano un sintomo comune dell’attacco di cuore
18.La rianimazione cardiopolmonare (CPR) aiuta a liberare i vasi sanguigni ostruiti
19.Il colesterolo “buono” è l’HDL, mentre quello cattivo è l’LDL
20.La defibrillazione atriale è una procedura nella quale le arterie irrigidite vengono aperte per facilitare il flusso sanguigno
21.Sentirsi deboli, sul punto di svenire e avere capogiri sono sintomi comuni dell’attacco di cuore
22.Le persone più alte presentano un maggior rischio di sviluppare patologie cardiache
23.La pressione sanguigna “alta” è pari o superiore 110/80 (sistolica/diastolica)
24.La maggior parte delle donne ha più probabilità di morire di cancro al seno piuttosto che di patologie cardiache
25.La margarina a base di olio di cartamo è più sana della margarina a base di olio di soia idrogenato
26.Le persone con diabete presentano un rischio più elevato di sviluppare patologie cardiache
27.Molti dei sintomi dell’attacco cardiaco sono uguali sia per gli uomini che per le donne
28.Avere un’alimentazione ricca di fibre aumenta il rischio di sviluppare patologie cardiache
29.Le patologie cardiache sono meglio definite come patologie acute piuttosto che croniche
30.Molte verdure presentano un alto contenuto di colesterolo
31.Acconsento al trattamento dei dati che sto inviando come indicato nella “Privacy policy” in fondo alla pagina.


(Visitato 19 volte, 1 visite oggi)
Graziano Gigante

Graziano Gigante

24 anni. Laureato con lode alla triennale in "Scienza e tecniche psicologiche" all'Università del Salento, ora studia "Neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica" presso l'Università di Padova ed è tirocinante presso il Policlinico San Marco di Mestre. Cantante e attore nel tempo libero. Gli piacciono la psicologia, l'informatica, i videogiochi, i libri, la musica, i musei, i viaggi, la fotografia, la scienza e chi più ne ha più ne metta.

Ti potrebbe interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.